La parola d’ordine è autosostenibilità. I progetti, una volta avviati, devono essere in grado di procedere con le loro gambe. Questo è un imperativo per tutte le iniziative del Csj Missioni e, quindi, anche per la scuola primaria di Msalaba Mkuu.

Una scuola fondamentale

In Tanzania il sistema scolastico è diviso in scuola pre-primaria, primaria e secondaria. Il primo livello di istruzione si distingue in «chekechea» (gestito totalmente da organizzazioni private, come le congregazioni religiose, Ong e privati cittadini) che ospitano bambini di età compresa tra 3-5 e «awali», che fa parte della scuola primaria e comprende bambini dell’età da 5 a 6/7. Quest’ultimo è gestito dal governo ed è inteso come una classe di pre-alfabetizzazione, prima dell’inizio della scuola primaria, che è accessibile dall’età di 6 a 7 anni. L’istruzione primaria, che è diventata gratuita dal 2016, è composta da sette classi, dopo le quali inizia la scuola secondaria che dura almeno quattro anni.

Nonostante l’importanza dell’educazione della prima infanzia per lo sviluppo psicofisico infantile e nonostante l’aumento significativo nell’iscrizione pre-primaria, l’educazione pre-primaria della Tanzania soffre di ambienti di apprendimento poveri e di carenza acuta di insegnanti pre-elementari qualificati.

Nel villaggio di Nambehe ci sono una scuola elementare gestita dal governo e una scuola materna chiamata «Chekechea na Awali Msalaba Mkuu», che è di proprietà della parrocchia ed è gestita dalla Congregazione delle Suore di San Giuseppe di Chambéry, in collaborazione con la Ong Cope, sotto la supervisione dell’arcidiocesi di Songea. È l’unica scuola materna del reparto: la sua missione è nata dalla sua fondazione per garantire l’accesso a un’educazione di qualità a tutti i bambini, senza alcuna distinzione di background sociale ed economico. Questo è in effetti il valore aggiunto della scuola che finora ha fornito un servizio eccellente alla comunità a un costo molto basso, per consentire a tutti la fruizione dell’istruzione di base.

Istruzione e alimentazione

Anche se le tasse scolastiche sono molto economiche, allo stesso tempo la qualità dell’istruzione è molto alta, a causa della presenza di insegnanti qualificati che contribuiscono a conseguire un rendimento scolastico elevato dei bambini, di cui ogni anno il 75% è in grado di scrivere e leggere alla fine della loro frequenza scolastica. Essendo l’unica scuola materna del reparto, un numero molto elevato di bambini non è in grado di partecipare, a causa della mancanza di un servizio di trasporto dalla scuola ai diversi villaggi, che non può essere garantito dalle famiglie dei bambini, che sono tra i più indigenti di questa zona della Tanzania.

Insieme allo scopo didattico, l’obiettivo complementare della scuola è stato finora quello di garantire una buona alimentazione per i bambini. Questa missione è legata a uno dei due problemi principali che influenzano negativamente lo sviluppo infantile in questo settore, che è la malnutrizione, insieme alla mancanza di un’istruzione di qualità, analogamente a quanto accade in tutto il paese.
In Tanzania, la malnutrizione cronica colpisce la crescita dei bambini, compromettendo il loro cervello e ostacolando il rendimento scolastico.

Il progetto già esistente del Chekechea, come orto e frutteto, sostenuto dal Cope era destinato a garantire sia una dieta nutriente quotidiana che a vendere il surplus di produzione. Con l’aumento del numero di bambini che frequentano l’asilo, il cibo non è più sufficiente, considerando che i nuovi arrivati provengono da famiglie molto povere, che non sono in grado di contribuire con la fornitura di piccoli stock di alimenti, che è la pratica della scuola.

La scuola trova le sue entrate da quattro fonti principali: le tasse di iscrizione, l’orto e il frutteto, la macchina per macinare il mais e la vendita di uova e di polli. Recentemente Cope assiste la scuola nel pagamento della manodopera dei lavoratori, a differenza del passato, quando l’aiuto di Cope e suore copriva quasi ogni settore scolastico.

Polli e mais

L’attivazione dell’allevamento di polli e la macchina per la macinazione del mais hanno permesso alla scuola di avere alcune entrate. Con il passare del tempo la sostenibilità è migliorata, ma ora l’ambizione è di aumentare la percentuale di sostenibilità, per continuare a mantenere un servizio a basso costo e far fronte all’aumento del numero di bambini iscritti e alla mancanza di molti strumenti.

In base a passate esperienze di Cope, si è pensato di investire nel bestiame, in particolare nei maiali, e nello sviluppo del frutteto per migliorare lo stato nutrizionale dei bambini e ottenere un reddito duraturo per la scuola con la vendita delle cultivar e dei suini. La possibilità di iniziare una nuova attività, basata sul bestiame e sulla produzione di frutta, può aiutare la scuola a raggiungere l’autosufficienza e migliorare l’alimentazione dei bambini.

Servono fondi. Aiutaci anche tu, dona ora. Clicca qui